In ricordo di Alfonso Sutera (1950-2013)

andrea.dicicco's picture

Alfonso Sutera ci ha lasciati improvvisamente l'8 dicembre scorso nella sua casa a Roma, all’età di 63 anni, nel pieno delle sue funzioni di docente a “La Sapienza”, di coordinatore del settore disciplinare di Fisica della Terra e del mezzo circumterrestre, di responsabile scientifico o di promotore di importanti progetti, lasciando sgomenti studenti, amici, colleghi.

Alfonso e' stato un professore di grandissime qualita' umane e scientifiche, che per gli anni in cui e' stato professore a Camerino (1990-1996) ha condotto ricerche importanti in sede, ricoprendo anche il ruolo di Presidente di Corso di Laurea.

Ci manchera' e manchera' alle generazioni che si formano in Fisica e nel suo campo specifico.

Maggiori approfondimenti nell'articolo di F. Prodi sul Nuovo Saggiatore.

 

Curriculum di Alfonso Sutera

Nato a Trapani il 29/11/1950. Si è laureato in Fisica presso l’Università di Roma La Sapienza nel 1973. È Professore di ruolo di I fascia dal 1990, prima di Esperimentazione di Fisica presso l'Università di Camerino, poi dal 1996 di Fisica Generale presso l’Università di Roma La Sapienza. 

Nel periodo 1974–1980 ha lavorato presso l'Istituto di ricerca G. Donegani di Novara.

Dal 1980 al 1983 è stato “Faculty Professor” presso il “Department of Geophysics and Geology” dell’Università di Yale, CT, U.S.A.

Dal 1983 al 1985 è stato “Senior Visiting Scientist” presso il Centro Meteorologico Europeo (European Centre for Medium-Range Weather Forecasts, ECMWF), Reading, UK.

Dal 1985 al 1990 è stato “Faculty Professor” presso il “Department of Geophysics and Geology” dell’Università di Yale, CT, U.S.A.

È stato visitatore dei maggiori centri scientifici internazionali di Meteorologia e Climatologia, quali NASA, NCAR ed ECMWF. È stato membro del Consiglio Scientifico dell'ASI, Presidente del Consiglio di Corso di Laurea in Fisica dell'Università di Camerino, membro della Commissione Nazionale Clima, membro della delegazione italiana presso l’ONU per “Integovernmental Negotiating Committee” sui cambiamenti climatici. 

È revisore di numerose proposte per le maggiori agenzie internazionali (NASA, NSF, EC, ASI, ecc.) e le maggiori riviste scientifiche del settore della Fisica dell'Atmosfera e dell’Idrologia (Journal of Atmospheric Sciences, Bullettin of American Meteorological Society, Climate Dynamics, Tellus, Water Resources Management, Hydrology and Earth System Sciences, ecc.). 

Membro dell'American Meteorological Society (AMS), della Royal Meteorological Society (RMetS) e dell’European Water Resources Association (EWRA). 

Nel 1998 ha ricevuto il Premio “Prof. Luigi Tartufari” per l’Astronomia, Geodesia, Geofisica e Applicazioni.

Socio Corrispondente Accademia dei Lincei

L’attività scientifica ha riguardato lo studio (i) della circolazione generale dell’atmosfera (risonanza stocastica e cambiamenti climatici, regimi di tempo, processi d’instabilità baroclina, formazione di getti multipli zonali in troposfera, interazione troposfera-stratosfera), (ii) dell’idrologia (monitoraggio della siccità, eventi estremi di siccità e piovosità), e (iii) del telerilevamento da satellite per il sondaggio atmosferico (sviluppo di sensori passivi nel lontano infrarosso, applicazioni di segnali GPS in Radio Occultamento e GPS a terra).